shenewslogo“Il racconto delle migrazioni in Emilia-Romagna” – Le donne nei media tra rappresentazione e auto-rappresentazione si svolgerà martedì 24 maggio 2016 – ore 9:30 – 13:30 a Bologna – Centro Interculturale Zonarelli, Via Sacco 14. L’Iniziativa è realizzata nell’ambito del Progetto: “Azioni di sistema per lo sviluppo della comunicazione interculturale in Emilia-Romagna 2”. L’organizzazione è a cura di Cospe, in collaborazione con l’Ordine Giornalisti e la Fondazione Giornalisti dell’Emilia-Romagna, l’Associazione Stampa Emilia Romagna, l’associazione SHEnews, il Centro Interculturale Zonarelli, l’Associazione Carta di Roma e il supporto e il sostegno della Regione Emilia – Romagna.

Imparare a raccontare le migrazioni, ascoltare i racconti dei migranti, trovare il modo giusto di rappresentare chi lascia il proprio paese e viaggia in condizioni non sempre facili, senza concentrarsi solo su emergenze e tragedie ma cogliendo gli spunti per dare vita ad un racconto corale, questo l’intento del percorso formativo per giornalisti in programma martedì 24 maggio a Bologna, presso il Centro Interculturale Zonarelli.

“Obiettivo della giornata è proprio quello di approfondire le regole della Carta di Roma – dice Alessandra Testa, coordinatrice dell’evento – vogliamo guardare e capire come l’Emilia Romagna racconta le migrazioni, non solo attraverso il racconto del giornalisti, ma anche con lo sguardo di chi si occupa di migrazione.

“Il corso si articola in numerosi interventi, tra cui quello di Chiara Gius, ricercatrice dell’Università di Bologna, che racconterà come le donne straniere vengono viste dai media, e poi Serena Bersani presidente Associazione Stampa Emilia-Romagna ed Associazione Giulia entrerà nel merito di quali sono i tipici errori di genere.
“Poi entreremo nello specifico con la tavola rotonda che si concentrerà sul racconto delle donne straniere, che vivono quindi una doppia discriminazione, come donne e come straniere, e infine su come si dovrebbe raccontare la migrazione e i migranti”.

Filo conduttore di tutta la giornata è proprio il racconto e lo scarto tra i diversi punti di vista. L’incontro, infatti, nasce all’interno del tavolo regionale della comunicazione interculturale, che raccoglie tutte le realtà che si occupando i migrazione, come confronto tra chi racconta i migranti e i migranti stessi.
“I giornali raccontano i migranti in un certo modo – continua Alessandra – ma come sono realmente? Da questa domanda è nata l’idea di raccogliere le storie di vita di chi è arrivato qui. Si possono leggere sul blog sheviews.blogspot.com. Un modo diverso di guardare al fenomeno. Ciò che emerge da questi racconti è ogni storia di migrazione è una storia di spaesamento, di difficoltà, e che chi arriva avrebbe più bisogno di ponti che di muri”.

 

 A5 volantino_BOLOGNA_maggio
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...