Il rapporto che da sempre si è intrattenuto tra la consuetudine e il diritto islamico è tutt’altro che lineare e chiaro. Considerando il fatto che in un contesto governato dalla shari’ha spetta sempre al legislatore islamico (faqih) la decisione tra la moralità e la consuetudine, lo scopo di questo evento è quello di affidare la decisione, alle donne provenienti dai contesti culturali diversi, non necessariamente islamici. Le relatrici offriranno degli esempi dal loro contesto sociale di questo rapporto complicato tra la morale e la consuetudine. Esiste una morale statica o la moralità viene plasmata, di volta in volta, dalla consuetudine? L’iniziativa vuole essere un terreno di dialogo e confronto tra le idee: un’occasione di incontro e di riflessione di donne provenienti da contesti sociali e culturali tra loro molto diversi. Minoo Mirshahvalad, ricercatrice iraniana all’Università di Torino (ideatrice dell’incontro), dell’Associazione We Are Iranianian Women porterà al dibattito il sapere dei suoi studi giuridici nella tradizione Sciita iraniana. Inoltre Jhoana Ostos Tavera giornalista colombiana e formatrice dell’associazione She News, Aziza Madda, giurista e mediatrice interculturale marocchina, Albana Temali giornalista albanese dell’associazione FARE, Corina Pop, Presidente dell’associazione rumena di volontariato Betania, Candice Whiteney, dagli Stati Uniti d’America, ricercatrice Fulbright a Bologna Alessandra Lazzari, mediatrice interculturale e traduttrice di Bologna dell’associazione She News, porteranno diversi contributi con riferimento anche ai loro paesi d’origine. Interverrà Susanna Zaccaria, Assessora del Comune di Bologna alle pari opportunità e differenze di genere, contrasto alle discriminazioni e diritti dei nuovi cittadini.

Dagli Stati Uniti alla Colombia, dall’Albania al Marocco, dalla Romania all’Iran, passando per l’Italia, le donne si confrontano su temi scottanti e attuali: vige ancora l’implacabile regola  del kanun in Albania? Esiste la prostituzione nei paesi nordafricani, apparentemente protetti da leggi severissime? Come si articola ai nostri giorni il razzismo nella società americana? Ci sono ancora i matrimoni forzati nelle comunità rumene? Che significato assume l’obbligo del velo nelle società musulmane? A che conseguenze arriva l’individualismo istituzionale in alcuni Paesi del sud America? E in Italia, in che modo la “morale” comune influenza la giurisprudenza e la persona?

Promosso dal Centro Interculturale Zonarelli del Comune di Bologna in collaborazione con il Centro Amilcar Cabral di Bologna, l’associazione She News di Bologna, l’associazione We Are Iranian Women, associazione rumena di volontariato Betania di Bologna, l’associazione Culturale Iraniana di Bologna, rete FARE albanesi in Italia, associazione Intrecci ER.

Giovedì 9 marzo 2017 dalle ore 16,30 alle 19.00

Sala degli Anziani, Palazzo d’Accursio, Piazza Maggiore, Bologna

 

Comunicato stampa9marzo2017

locandina9marzoMoraleConsuetudine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...