Il 6 febbraio, in occasione della Giornata Mondiale contro le Mutilazioni Genitali Femminili, indetta dalle Nazioni Unite, il Comune di Bologna promuove iniziative di sensibilizzazione per intraprendere azioni concrete contro tale pratica

Si terrà presso il Centro Interculturale Zonarelli la rassegna Women’s Week, organizzata dall’Associazione la Nostra Africa ONLUS in collaborazione con il settore Pari Opportunità e Tutela delle Differenze del Comune di Bologna e con il Centro Interculturale, al fine di sensibilizzare sul tema le giovani generazioni e la cittadinanza.
La rassegna sarà così articolata:
– martedì 6 Febbraio alle 20.45 conferenza “Modificazioni corporee: il confine tra volontario e involontario” – Saluti di apertura dell’Assessora Susanna Zaccaria.
– venerdì 9 Febbraio alle 20.45 aperitivo a cura di AMISS (Associazione Mediatrici Interculturali Sociali e Sanitarie) e a seguire la conferenza “Donne e diritti umani nel XXI Secolo” .
Al mondo sono circa 200 milioni le donne e le adolescenti di età compresa tra i 15 e i 49 anni che hanno subito mutilazioni genitali femminili, un fenomeno culturale ancora radicato, soprattutto nel continente africano ma che è presente anche in Italia.
Secondo uno studio recente condotto dall’Università degli Studi di Milano – Bicocca confluito nelle Linee guida per il riconoscimento precoce delle vittime di mutilazioni genitali femminili o altre pratiche dannose nel nostro Paese il numero di donne straniere maggiorenni con mutilazioni genitali femminili si attesta tra le 46mila e le 57mila unità.

Da alcuni anni, in seguito al fenomeno migratorio, si parla di più di MGF e matrimoni forzati anche in Europa, ed alcuni Paesi si sono dotati di strumenti legislativi appositi ma resta tuttavia molto da fare. Pur nel rispetto delle tradizioni culturali, è vitale che le donne provenienti dai paesi dove tale pratica è diffusa siano rese consapevoli del fatto che essa rappresenta una grave violazione dei diritti umani delle donne e delle ragazze e rappresenta una forma di violenza contro le donne basata sul genere (rif. Convenzione di Istanbul- Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica).

Per promuovere i diritti di donne e ragazze è importante l’incontro tra donne e culture differenti e fondamentale il lavoro di prevenzione, il saper “costruire ponti” tra le comunità migranti che provengono da aree dove si praticano le MGF e i paesi di origine.

Durante la rassegna sarà visibile la mostra fotografica “Io sono donna”, a cura dell’associazione la Nostra Africa ONLUS.

SUL SITO DEL COMUNE DI BOLOGNA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...